….Liberi di Leggere…


succede che…


ci sono giorni che fremo dalla voglia di scrivere ma solitamente, in quel momento non ho sotto mani un pc che mi permetta di farlo nel mio blog e così rinuncio….
ci sono giorni invece che potrei scrivere sul mio blog ma quando mi metto li davanti mi viene il blocco della bloggher e la pagina rimane irrimediabilmente bianca…e  lascio andare tante emozioni e attimi che invece mi piacerebbe imprimere su queste pagine…
il fatto è che è difficile tradurre in parole ciò che sento e vivo, sono in quella fase acuta di idiozia smielosa, di quella che fino a poco tempo fa guardavo un pò perplessa e con la faccia schifata pensando "io? tsè io non mi ridurrò mai così!!"…ed invece bastano due semplici parole, due occhi dolci che ti fissano, due labbra che ti sfiorano e sei già bella che fregata, persa, spacciata….razionalità e acidità ti lasciano in balia delle vocine sceme e degli occhi a cuoricino…
Sono in quella fase in cui le compagnie telefoniche guadagnano un sacco di soldi con sms e lunghe, frequenti telefonate, ed un comodino ikea ti emoziona più di un ipod (non se ne voglia l’ipod), ma molto, molto di più…
Sono innamorata, vorrei gridarlo al mondo perchè è bello, pauroso, emozionante e millemila emozioni insieme….

Un Uomo – Eugenio Finardi 
Lei non lo sapeva ma aspettava un Uomo
Che la scuotesse proprio come un tuono
Che la calmasse come un perdono
Che la possedesse e fosse anche un dono

Era tanto tempo che aspettava l’Uomo
Che la ipnotizzasse solo con il suono
Di quella sua voce dolce e impertinente
Che proprio non ci poteva fare niente

Che la fa sentire intelligente
Bella, porca ed elegante
Come se fosse nuda tra la gente
Ma pura e santa come un diamante

Un Uomo dolce e duro nell’Amore
Che sa come prendere e poi dare
Con cui scopare, parlare e mangiare
E poi di nuovo farsi far l’Amore

Per seppellirsi tutta nell’odore
Che le rimane addosso delle ore
Che non si vuole mai più lavare
Per non rischiare di dimenticare

Che le ricordi che sa amare
Un Uomo che sappia rassicurare
Che la faccia osare di sognarsi
Come non é mai riuscita ad immaginarsi

Un Uomo pieno di tramonti
D’istanti, di racconti e d’orizzonti
Che ti guarda e dice: "Cosa senti?"
Come se leggesse nei tuoi sentimenti

Un Uomo senza senso
Anche un po’ fragile ma così intenso
Con quel suo odore di fumo denso
Di tabacco e vino e anche d’incenso

Impresentabile ai tuoi genitori
Così coerente anche negli errori
Proprio a te che fino all’altroieri
Ti controllavi anche nei desideri

Tu che vivevi nell’illusione
Di dominare ogni tua passione
Tu che disprezzavi la troppa emozione
Come nemica della Ragione

Non sei mai stata così rilassata
Così serena ed abbandonata
Così viva e così perduta
Come se ti fossi appena ritrovata

Un Uomo dolce e duro nell’Amore
Che sa come prendere e poi dare
Con cui scopare, parlare e mangiare
E poi di nuovo farsi far l’Amore

Prosegui la lettura »


oggi…

 

Prosegui la lettura »